Pensione anticipata ordinaria 2024: requisiti, come funziona, come fare domanda?

Pensione anticipata ordinaria 2024: La pensione anticipata ordinaria consente ai lavoratori che hanno soddisfatto uno specifico requisito contributivo di accedere alle prestazioni pensionistiche prima di raggiungere l’età necessaria per la pensione di vecchiaia.

Attualmente la pensione anticipata è destinata ai lavoratori iscritti al regime pensionistico pubblico obbligatorio. Entro il 31 dicembre 2026 devono aver contribuito per 41 anni e 10 mesi (se donne) o 42 anni e 10 mesi (se uomini), purché abbiano iniziato a lavorare prima del 1996. Per i contributi versati dal 1° gennaio 1996 in poi, un minimo di 20 sono necessari anni di contributi e un assegno pari a 2,8 volte la rata previdenziale.

In questa guida ti forniamo informazioni chiare e dettagliate, comprese le ultime proposte sulla riforma pensionistica 2024. Spieghiamo cosa comporta la pensione anticipata ordinaria, a chi è rivolta nello specifico, come funziona, come richiederla e la differenza di indennità rispetto alla pensione di vecchiaia.

Qual è la pensione anticipata ordinaria 2024?

Pensione anticipata ordinaria 2024 requisiti, come funziona, come fare domanda
Pensione anticipata ordinaria 2024 requisiti, come funziona, come fare domanda

La pensione anticipata ordinaria è un’opzione pensionistica che consente di ritirarsi dal lavoro prima di raggiungere l’età richiesta per percepire la pensione ordinaria di vecchiaia. Per usufruire di questa opzione è necessario possedere una certa anzianità contributiva: 41 anni e 10 mesi per le donne, 42 anni e 10 mesi per gli uomini. Possono beneficiare di questa opzione tutti i lavoratori iscritti alla previdenza sociale obbligatoria che hanno iniziato a lavorare e a versare i contributi prima del 1996.

Se sei sposato allora dovresti richiedere anche il bonus fecondazione assistita 2023 e hai già figli allora dovresti richiedere il bonus asilo nido 2024. Puoi richiedere anche il bonus fotovoltaico 2024.

Per coloro che hanno iniziato a lavorare a partire dal 1 gennaio 1996 è richiesto un minimo di 20 anni di contributi versati. Inoltre, la prima rata della pensione dovrà essere almeno 2,8 volte l’importo mensile dell’assegno sociale, che attualmente è di 754,91 euro nel 2023.

Tali obblighi contributivi si applicano ai dipendenti, ai lavoratori autonomi e ai lavoratori del settore pubblico senza alcuna distinzione. Sono cumulabili fino al 31 dicembre 2026. Tuttavia, a partire dal 1° gennaio 2027 i requisiti aumenteranno in base all’aumento dell’aspettativa di vita.

Pensione anticipata ordinaria notizia 2024

La Legge di Bilancio 2024, attualmente in fase di definizione, introduce una nuova disciplina pensionistica che anticipa di 3 anni rispetto all’età pensionabile il requisito contributivo minimo per l’accesso alle pensioni. Questa modifica riguarda i lavoratori che versano contributi dal 1996. Inoltre, verrà rivisto l’importo minimo contributivo, che non sarà più fissato a 2,8, ma adeguato a 3,3 volte l’assegno sociale minimo.

Di conseguenza, gli aventi diritto alla pensione anticipata contributiva potranno accedervi al compimento dei 64 anni, a condizione che abbiano versato almeno 23 anni di contributi entro il 2024. Ciò sarà possibile però solo se l’importo della pensione raggiunge almeno il 3,3%. volte l’assegno sociale, equivalente a un minimo necessario di 1.660 euro, invece di 1.409 euro nel 2023.

Una volta che l’INPS avrà chiarito le specifiche operative relative alla pensione anticipata per il 2024, vi informeremo tempestivamente.

Chi ha diritto alla Pensione anticipata ordinaria 2024?

Chi ha diritto alla Pensione anticipata ordinaria
Chi ha diritto alla Pensione anticipata ordinaria

Chi ha diritto al pensionamento anticipato? L’opzione standard di prepensionamento è riservata a coloro che fanno parte dei seguenti programmi previdenziali/assistenziali:

  • Assicurazione Generale Obbligatoria (AGO), che copre il Fondo Pensione Dipendenti e offre agevolazioni particolari per i lavoratori autonomi;
  • Gestione Separata INPS;
  • Forme alternative di AGO, come il Fondo Volo (per i dipendenti delle compagnie di navigazione aerea) e la Gestione Sport e Spettacolo (per atleti professionisti e operatori dello spettacolo);
  • Forme esclusive di AGO, quali la gestione dei dipendenti pubblici (tra cui dipendenti statali, dipendenti delle amministrazioni locali, operatori sanitari, ufficiali giudiziari e insegnanti di scuola dell’infanzia dipendenti dai Comuni e dalle scuole primarie abilitate).

Quali sono i requisiti?

Hanno diritto al pensionamento anticipato i lavoratori che hanno iniziato a versare i contributi prima del 1996 e che soddisfano il requisito contributivo di 41 anni e 10 mesi (pari a 2.175 settimane) per le donne o di 42 anni e 10 mesi (pari a 2.227 settimane) per gli uomini. Questo requisito rimarrà in vigore fino al 31 dicembre 2026. Ma cosa succederà dopo il 2026? A partire dal 1° gennaio 2027, i requisiti contributivi verranno adeguati ogni due anni in base all’aumento dell’aspettativa di vita. Vi terremo aggiornati su questi aggiustamenti. Puoi fare riferimento alla tabella per l’età stimata dei requisiti per il pensionamento anticipato fino al 2050.

È importante notare che per ricevere una pensione anticipata è necessario interrompere il rapporto di lavoro. È comunque possibile iniziare un nuovo rapporto di lavoro in quanto il decreto legislativo 112 del 2008 prevede il cumulo integrale delle prestazioni di anticipazione e di anzianità con il reddito da lavoro dipendente. Se invece sei un lavoratore autonomo, non sei tenuto a cessare l’attività per ricevere la pensione anticipata.

Come funziona la pensione anticipata ordinaria?

La pensione anticipata viene corrisposta agli aventi diritto al momento della presentazione della domanda. Prima di inviare la domanda di pensione, però, è necessario richiedere all’INPS la verifica dei requisiti contributivi. Una volta fatto ciò, l’Istituto controllerà se soddisfi i requisiti. Solo successivamente potrai presentare la domanda per la pensione vera e propria. Ora vediamo come funziona questo processo di verifica.

Come viene calcolata la pensione anticipata ordinaria?

Tieni presente che l’importo della pensione anticipata ordinaria e il suo calcolo dipendono dai contributi versati. Analogamente agli altri piani pensionistici, la pensione anticipata ordinaria viene determinata utilizzando due sistemi di calcolo: contributivo e retributivo.

Nel sistema contributivo, tutta la tua storia assicurativa viene presa in considerazione nel calcolo della prestazione pensionistica. Nel sistema salariale invece viene considerato lo stipendio percepito prima del pensionamento.

Quando si tratta di pensionamento anticipato, il calcolo dell’indennità pensionistica si basa su un meccanismo che converte i tuoi contributi nell’importo della pensione:

  1. Se hai contribuito per almeno 18 anni al 31 dicembre 1995 con un sistema retributivo fino al 31 dicembre 2011, e poi sei passato a un sistema contributivo, questo fa al caso tuo.
  2. Se hai contribuito per meno di 18 anni al 31 dicembre 1995, hai avuto un sistema remunerativo fino al 31 dicembre 1995 e poi sei passato a un sistema contributivo (noto come “sistema misto”), questo fa al caso tuo.
  3. Se non hai crediti entro il 31 dicembre 1995, o se scegli di utilizzare l’opzione di contribuzione interamente contributiva (che prevede nel contributo i crediti con la Gestione Separata), questo fa al caso tuo.

Come richiedere o fare domanda per la pensione anticipata ordinaria 2024?

La domanda di pensionamento anticipato ordinario può essere presentata facilmente in diverse modalità. Innanzitutto puoi farlo comodamente online sul sito dell’INPS. Basta visitare il sito e autenticarsi tramite SPID, CIE o CNS.

Un’altra opzione è quella di chiamare il Contact Center dell’INPS. Puoi comporre il numero 803 164 da rete fissa o 06 164 164 da rete mobile. La chiamata è gratuita se effettuata da rete fissa. Puoi infine scegliere di rivolgerti anche agli enti patrocinatori e intermediari dell’Istituto.

Offrono servizi telematici per assistervi nel processo di richiesta. Sta a te decidere se presentare la domanda in autonomia direttamente all’INPS o chiedere assistenza al patronato/CAF. Con i loro operatori esperti potranno guidarti durante l’intera procedura.

Domande frequenti-

Ecco alcune importanti domande e risposte relative al pensionamento anticipato ordinario 2024!

1. Cosa cambia per le pensioni nel 2024?

Il governo ha recentemente riconfermato la Quota 103, con una leggera modifica sia per il settore pubblico che per quello privato. A partire dal 2024, i criteri di ammissibilità di avere 62 anni e aver versato 41 contributi rimarranno gli stessi. Tuttavia, ci sarà una leggera differenza nel periodo di attesa per ricevere i benefici. I dipendenti privati dovranno attendere 7 mesi, mentre i dipendenti pubblici dovranno attendere 9 mesi. Non preoccupatevi, questi cambiamenti mirano a garantire una transizione graduale e un trattamento equo per tutti i soggetti coinvolti.

2. Cosa significa pensionamento anticipato ordinario?

La pensione anticipata ordinaria, detta anche “quota 41” o “pensione anticipata con requisiti ridotti”, è diversa dalla pensione per lavoratori anticipati. È specificatamente pensato per i soggetti che hanno raggiunto l’età contributiva pari a 41 anni, indipendentemente da quando hanno iniziato a lavorare. Quindi, per favore, non confondere le due cose.

Conclusione

In questo articolo potrai conoscere la Pensione anticipata ordinaria 2024 e ti ho spiegato tutto su questa pensione come chi ne ha diritto, come richiedere la Pensione anticipata ordinaria 2024 e così via. Spero che tu sappia tutte le cose relative a questa pensione.

Leggi anche:

Ciao, mi chiamo Niraj Yadav e sono uno scrittore di questo blog. Condividiamo su questo blog bonus, finanza, bonus famiglia, pensioni & bonus Lombardia.

Sharing Is Caring:

Lascia un commento